Moodle 3.3.2

di Pietro Cennamo
lunedì 13 novembre 2017
Moodle è un CMS ed un progetto di sviluppo per la produzione e la diffusione dell’e-learning
Categoria:
CMS
Sistema:
Windows 9x-ME-2000-XP
Software-house:
Download:
920
Licenza:
Open Source
Lingua:
EN
Dimensione file:
n.d.

Nato dall’esigenza di progettare un software open source per l’organizzazione di corsi on-line, oggi Moodle è utilizzato da grandi società e università per l’erogazione di nuove modalità di apprendimento.
Moodle può essere installato su qualsiasi computer o web-server in grado di eseguire PHP, supporta il database MySQL e può essere eseguito su sistemi Windows, Mac e Linux.
La grande diffusione di Moodle nel mondo dell’e-learning è dovuto soprattutto al crescente supporto al software dato dalla comunità di utenti, ormai presenti in tutte le parti del mondo.
Moodle permette di essere gestito fondamentalmente in due modalità: Amministratore o Insegnante.
La modalità Amministratore consente di operare direttamente sulla struttura del sito, la scelta delle sezioni, in poche parole sull’implementazione del CMS. Nella modalità Insegnante, invece, è possibile organizzare l’erogazione dei corsi, le modalità di apprendimento, la gestione degli utenti che accedono ai corsi, ecc…
Le caratteristiche generali di Moodle con cui è possibile operare sono:

  • La progettazione;
  • La gestione del sito;
  • La gestione utente;
  • La gestione del corso;
  • Filtri di testo: Auto-linking, Notazione matematica, Media plugins, contenuto Multi-lingua;

Le principali funzionalità che Moodle offre sono:

  • Assegnazioni: consente agli insegnanti di caricare file, fornire commenti, assegnare i corsi agli studenti, l’insegnante può scegliere se impedire o accettare le richieste di corso;
  • Chat: questo modulo consente ai partecipanti al corso di ricevere in tempo reale tutte le informazioni necessarie al corretto svolgimento del corso, è possibile creare chat per tema di discussione;
  • Scelte: l’insegnate può scegliere di effettuare domande a risposta multipla, questo può essere utile come un veloce sondaggio per stimolare la riflessione su un argomento;
  • Forum: è nei forum che si svolgono la maggior parte delle discussioni; Possono essere strutturati in modi diversi e comprendere peer rating di ogni pubblicazione. Ogni messaggio può essere visualizzato in diversi formati e includere allegati;
  • Glossari: i partecipanti possono creare un elenco di definizioni come un dizionario. Le voci possono essere consultate o ricercate in diversi formati;
  • HotPot: questo modulo permette agli insegnanti di creare dei cruciverba, e compilare dei quiz con Hot Potatoes Software;
  • Lezioni: ogni lezione è costituita da un certo numero di pagine. Ogni lezione in genere finisce con una domanda a risposta multipla. La navigazione attraverso la lezione può svilupparsi in maniera semplice o complessa;
  • Quiz: Questo modulo consente all’insegnante di progettare o impostare test per la verifica del corretto apprendimento. L’insegnante può scegliere se dare feedback o mostrare le risposte corrette;
  • Risorse: è possibile inserire nel corso file caricati precedentemente sul serve o pagine esterne;
  • SCORM: sono un insieme di specifiche che consentono l’interoperabilità, l’accessibilità, e la riutilizzabilità del web-based learning;
  • Sondaggi: attraverso strumenti di indagine è possibile valutare e stimolare l’apprendimento;
  • Wiki: sono delle pagine web che chiunque può aggiungere o modificare. Consentono di essere autore collettivo e sostiene l’apprendimento collaborativo;
  • Workshop: è una delle attività di valutazione alla pari con un ampia gamma di opzioni. Esso consente ai partecipanti di valutare i progetti degli altri;
Screenshot
Screenshot

Corsi

Documenti